Quello che frega a me dell’amore (tutta colpa dei miei bisnonni)

Il buon Vinicio si chiedeva Che coss’è l’amor?!? E io gli rispondo come si risponde alla domanda: Il coccodrillo come fa?

BOH?

L’amore di Petrarca per Laura lo comprendo. Mi commuove. Tiziano Ferro dice che è una cosa semplice. È vero. Se hai la soluzione al fondo del numero di enigmistica. Forse la mia concezione è più vicina a quella scritta da Fossati e cantata da Mia Martini: E intanto guardo questo amore che si fa più vicino al cielo, come se dopo tanto amore ci fosse ancora il cielo

La costruzione di un amore. Perché la scintilla fa battere il cuore, l’innamoramento arrossa le guance. Ma l’amore… L’amore per me si costruisce.

Sapete cosa mi frega a me dell’amore? A me frega quello che ho visto con i miei occhi. A me frega l’amore che ho respirato con i miei bisnonni. Sono loro la causa di tutto.

Sarebbe stato tutto così semplice se fossi stata una cinica e disincantata figlia di separati, prima in casa e poi di fatto. La strada sarebbe stata segnata, normalmente, dalla paura dell’abbandonarsi a un sentimento che prima o poi finisce. E questo ci sta, va bene. Questo porta al pragmatismo dell’amore, alla manovalanza. Al sapere che ci sono libri di cui sai già il finale, perché hai sviluppato un certo fiuto per certi segnali, e poi sta a te decidere se leggerli o meno.

Ma a me frega dell’amore che io SO che c’è altro. C’è il tutto. Io ho visto l’amore che ha legato i miei bisnonni e questo mi ha fottuta. Non ho alibi, non ho scuse dietro cui nascondermi per giustificare un rapporto fiacco o una mancanza di entusiasmo. Io so che quell’Amore lì esiste e se sai che c’è, da qualche parte, allora non puoi dire di essere onesta con te stessa se non lo cerchi.

Attenzione, non parlo di pucci pucci e gne gne: i miei nonni erano entrambi sardi, e i sardi non si perdono in vezzeggiativi. Loro si mandavano anche al diavolo, si punzecchiavano, litigavano spesso perché erano di natura agli antipodi. Ma si amavano. Completamente. Perché si accettavano completamente, perché non avevano paura di nessuna delle pieghe nere che nascondevano le reciproche anime. Loro si amavano. E costruivano. Durante la guerra, dopo la guerra, con la fame, con la morte di un figlio, con la morte di un nipote. Loro costruivano e trasmettevano Amore.

E io voglio quella stessa roba là.

Voglio l’allegria che volava nell’aria mentre discutevano, voglio la tenerezza di una mano posata sull’altra quando le parole sono inutili. Voglio lo stesso pieno rispetto che provavano l’uno per l’altra. Voglio quella stessa assenza di paura della prevaricazione: avere ragione non è la cosa più importante. Esprimere un’opinione sì. Confrontarsi sì.

Voglio la leggerezza con cui parlavano di floricoltura ma anche di politica: lei religiosissima e praticante , lui più rosso di Trotsky. Voglio gli occhietti furbetti di mia nonna quando qualcuno parlava di sesso. Voglio il sorriso di nonno quando lei lo sfotteva.

Il loro amore profumava. Per me sa di pasta frolla al limone.

A me i miei nonni mi hanno fregata. O forse mi hanno salvata. Perché è a quell’Amore che penso quando spiego alle mie bambine la vita a modo mio. È raccontandolo che posso sperare che anche loro lo cerchino. E provino a costruirlo, mattone dopo mattone. Che sappiano che sono nate da un tentativo di costruzione, che non vuol dire che non fosse Amore, ma che io e il loro papà abbiamo scelto materiali differenti per tirare su il palazzo. E che per non demolire nulla, è stato meglio lasciarlo così, incompleto, pronto per essere terminato da loro. Voglio che sappiano che tutti meritano quell’Amore e che tutto il resto lascia il tempo che trova.

I miei nonni mi hanno fregata. E per questo non smetterò mai di ringraziarli.www.youtube.com/watch?v=8sjhBDSZuLg

Annunci

2 pensieri su “Quello che frega a me dell’amore (tutta colpa dei miei bisnonni)

  1. E sì, tutto il resto lascia il tempo che trova…sono follemente d’accordo con te! e uso questo termine perché oggi è un po’da folli sognare quel tipo di amore, di rapporto fatto di condivisione e quotidianità. Ma magari una botta di c…ci capiterà!!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...